Asperger, il nazismo e la diagnosi – Riflessioni sul libro: I bambini di Asperger (2018) di Edith Sheffer

Asperger, il nazismo e la diagnosi – Riflessioni sul libro: I bambini di Asperger (2018) di Edith Sheffer

Asperger, il nazismo e la diagnosi – Riflessioni sul libro: I bambini di Asperger (2018) di Edith Sheffer

Rivedremo Kevin Spacey recitare? Ci sarà un altro Frank Underwood, genio perverso? Difficile. Kevin Spacey, molestatore seriale, è ormai persona non gradita. Questo sminuisce il suo talento? No. Vedremo ancora Hans Asperger nelle classificazioni delle malattie mentali? Per un po’ sì, anche se è già relegato nelle note. Poi scomparirà, superato dalla scienza. Espulso con disonore?

Chi era Asperger? Psichiatra infantile, operò nella Vienna dell’avvento del nazismo. Descrisse lo “psicopatico autistico”, da lui viene l’eponimo per gli autistici ad alto funzionamento, con intelligenza preservata, a volte con aree di funzionamento eccezionale. Faticano a capire i pensieri e le emozioni degli altri, sono quindi carenti nella cosiddetta “teoria della mente”. Una ricerca di Livia Colle, Università di Torino, con una autorità del campo, Simon Baron-Cohen, mostra che adulti con Asperger non riconoscono bene le emozioni negative nelle facce. Il loro comportamento è stereotipato, ripetitivo, trascurano le relazioni sociali, mancano di reciprocità e simpatia per chi soffre, monologano più che conversare. Faticano a cambiare rotta una volta iniziato un comportamento.

La psichiatria cancella Asperger dai manuali: l’eponimo è sparito dal DSM 5 (il manuale diagnostico più diffuso) ed è marginale nell’ICD-11 (OMS). Si parla ora di disturbi dello spettro autistico, problemi simili a livelli differenti di gravità e funzionamento.

Hans Asperger è stato solo uno psicopatologo acuto, superato dal progresso? Putroppo no. Edith Sheffer ne mostra il lato oscuro, ci accompagna nell’abisso: ha contribuito a usare diagnosi di autismo e disabilità per sostenere l’eugenetica nazista.


Per saperne di più (continua): http://www.stateofmind.it/2018/10/asperger-diagnosi-nazismo/


Lascia un commento