IL VERO SÉ

IL VERO SÉ

IL VERO SÉ

di 

(pubblicato su 7 de Il Corriere della Sera il 19 novembre 2020)


So che alla fine degli anni ’80 avrei dato risposte incoerenti a domande essenziali. A chi mi avesse chiesto che musica amavo, avrei detto con certezza che la presenza della chitarra elettrica distorta era un ingrediente fondamentale, ma avrei aggiunto che detestavo la new wave. Però, come spiegare che quando ascoltavo in radio Strangelove dei Depeche Mode mi ritrovavo a ballare da solo? Avrei mostrato difficoltà a riconoscere molte delle mie preferenze, rimanendo la parmigiana di melanzane uno dei pochi punti fermi. Calvino sarebbe stato fiero di me: incarnavo allo stesso tempo il cavaliere inesistente, il visconte dimezzato e il barone rampante, la mia versatilità faceva invidia a Meryl Streep.

continua su Psicologia Fenomenologica